Ecco 5 problemi che costringeranno ogni commercialista a cambiare lavoro!

settembre 18, 2018

Sei un commercialista? Ti sveliamo i 5 grandi problemi che impediscono alla tua professione di crescere e che se risolti ti daranno l’opportunità di trasformare completamente il tuo lavoro!

Tempi sempre più duri per i commercialisti. Non si vede un futuro per quella che una volta era una professione tanto ambita, e che da qualche anno non dà nemmeno le soddisfazioni economiche di un tempo. Dal “Rapporto 2017 sull’Albo dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili”, emerge che i redditi complessivi della categoria sono scesi in media del 12% circa dal 2007 al 2017.

La causa della diminuzione del reddito medio è principalmente dovuta a due ordini di problemi:

  • Gestione obsoleta degli studi professionali;
  • Mancanza di qualifica specifica dei commercialisti.

I due fattori sono strettamente collegati in quanto recenti studi affermano che oggi un commercialista che organizza la propria attività attraverso un’efficace gestione del proprio studio professionale, riesce a specializzarsi in aree di competenza percepite come di alto valore dai propri clienti.

Questo di conseguenza li porta ad avere degli enormi vantaggi di mercato rispetto ai propri competitors.

Per cui andiamo a vedere i 5 grandi problemi che impediscono alla tua professione di crescere e che se risolti cambieranno completamente il tuo lavoro!

 

Andiamo ad analizzarli nel dettaglio:

1. Incapacità di valorizzare le risorse umane presenti nello studio:

Gestire uno studio professionale è come gestire un’azienda, fatta da persone e collaboratori.

Studi recenti dimostrano come sul posto di lavoro un collaboratore di uno studio professionale, utilizza in media solo il 30-40% del proprio potenziale;

Questo succede perchè nell’80% dei casi il suo potenziale è impiegato in attività time consuming e a basso valore aggiunto come il data entry o la compilazione dei documenti contabili.

Automatizzare questi processi, può consentire ai collaboratori di specializzarsi in aree consulenziali ad alto valore aggiunto per le imprese, rappresentando di fatto dei vantaggi per lo studio commerciale.

 

2.  Non acquisire clientela idonea:

Una delle mancanze dei professionisti è non curare la fase di acquisizione della clientela in modo adeguato e in assenza totale di profilazione.

Per crescere in modo efficace un commercialista deve acquisire una clientela idonea con un grado di affidabilità economica e relazionale che permetta al professionista di poterla assistire al meglio.

Questo punto è di vitale importanza per la programmazione e la crescita della professione. Imparare a valutare il rating di affidabilità di un imprenditore, piuttosto che di un’azienda permette di evitare di acquisire clientela inaffidabile, liberando tempo per potersi concentrare sulla clientela di valore.

3. Non saper gestire in modo ottimale tempi e scadenze:  

La clientela si rivolge spesso al professionista per la risoluzione di ogni genere di problemi, considerandolo un consulente globale oltre a cui delegare pratiche e adempimenti, attività sempre meno remunerative.

Un professionista efficace non può disconoscere le tecniche più moderne di gestione del tempo. Il time management è diventata ormai una disciplina essenziale per favorire la crescita e lo sviluppo delle organizzazioni.

In ogni studio professionale il tempo è sempre limitato, occorre per tanto imparare a gestirlo al meglio per fronteggiare scadenze ed imprevisti, ma soprattutto per gestire al meglio tutte quelle attività time consuming a basso valore aggiunto.

4. Non gestire lo stress da iper lavoro:

Lo stress cronico abbatte la produttività di un commercialista, del 40% per cui ha un notevole impatto su fatturato e risultati.

Solo per fornirvi alcuni dati, in Italia 1 professionista su 2 è stressato dal suo lavoro. Questo comporta nel lungo periodo seri problemi, sia in termini di abbassamento degli standard qualitativi del servizio di consulenza, che di salute del professionista.

Ogni commercialista pertanto deve correre ai ripari e impostare procedure atte a gestire e ridurre lo stress negativo connesso all’attività professionale.

5. Gestire male le tempistiche di consegna documenti:

I clienti non consegnano in tempi accettabili la documentazione. Questo è un problema cronico e risaputo sempre presente nella quotidianità di un commercialista.

La maggior parte degli imprenditori, non ama doversi occupare della documentazione da consegnare al commercialista. Infatti, gli imprenditori facendo un altro lavoro, spesso dimenticano o smarriscono completamente documentazione valida per abbattere l’imponibile fiscale come ad esempio, scontrini, ricevute fiscali etc.

Questo spesso, fa sì che il povero commercialista rimanga in balia delle onde disperandosi nel cercare soluzioni  improbabili per abbattere il carico fiscale dei propri assistiti.

Per cui ogni fine mese il professionista o i suoi collaboratori sono costretti a dedicare tempo nel contattare imprenditori e aziende per ricordare loro di consegnare ad esempio, fatture e note spesa.

Xriba crea per te il cliente perfetto!

Oggi in base allo scenario di mercato che la professione sta vivendo, è evidente che non viene premiato il professionista più bravo e competente nella propria materia, bensì tra tanti professionisti preparati, il più organizzato e di conseguenza il più specializzato.

Ma per intraprendere un percorso di specializzazione della professione, c’è necessità di liberarsi dei problemi sopra descritti dedicandosi ad attività ad alto valore aggiunto e che permettano di restare competitivi all’interno del mercato attuale.

Più sarà elevato il livello di specializzazione, più commercialisti e revisori contabili, si occuperanno meno di attività classiche di inserimento dati e di ragioneria, diventando sempre più delle figure specializzate nella consulenza alle imprese.

E’ finita l’era del data entry e del controllo delle fatture. Con l’avvento tecnologico, le macchine si occuperanno in automatico di interpretare, registrare, verificare e archiviare la documentazione contabile, lasciando ai Professionisti il ruolo di consulenti specializzati al servizio dell’imprenditore.

Questo permetterà ai professionisti di riuscire ad emergere rispetto alla concorrenza, acquisire clientela qualificata, ridurre e ottimizzare i tempi di lavoro e soprattutto gestire bene lo stress che oggi costituisce il nemico numero uno di ogni professionista.

Grazie a Xriba, l’Intelligenza Artificiale al servizio delle aziende, il lavoro dei commercialisti potrà davvero evolversi e crescere, riducendo del 72 % il tempo dedicato alla gestione delle attività time consuming.

Di fatto questo permetterà finalmente alle professionalità più preparate di diventare realmente dei business partner per i loro clienti.